Un inizio nutriente per i ragazzi, Myanmar

Alimentazione scolastica in Myanmar

La sfida: secondo il Programma alimentare mondiale delle Nazioni Unite, un bambino su tre in Myanmar è cronicamente malnutrito.

L'iniziativa: il programma latte nelle scuole in Myanmar è stato lanciato nel 2013 dal governo della Repubblica dell'Unione del Myanmar, con il supporto tecnico di Tetra Laval Food for Development. L'obiettivo è stato quello di sviluppare il programma latte nelle scuole in un ambito nazionale, garantendo latte nutriente a ogni bambino in Myanmar. 

Su Sanda Hlaing è la responsabile del programma, che raggiunge ora 26.000 bambini. Il suo team monitora e sviluppa il programma e mantiene una stretta collaborazione con le controparti del Ministero della Pubblica Istruzione. I membri del team visitano regolarmente ciascuna scuola e sono in contatto diretto con insegnanti, genitori e rappresentanti della comunità per valutare il modo in cui il latte sta facendo la differenza. Per garantire i più elevati standard di igiene e sicurezza, vengono seguiti protocolli di stoccaggio sicuro, rapporti sul consumo di latte, gestione degli sprechi e tutti gli altri protocolli di sicurezza e qualità.

Il valore: il latte nutriente è stato ampiamente accettato dai bambini e dalla comunità. I tassi di iscrizione e di abbandono sono notevolmente migliorati nelle scuole interessate. L'Institut de Recherche pour le Developpement sta conducendo uno studio relativo all'impatto sulla nutrizione del programma latte nelle scuole, che verrà completato nel 2017. 

Uno sguardo al futuro: esiste un importante collegamento tra il latte nelle scuole e il settore lattiero-caseario, in quanto la domanda di latte nelle scuole è un mercato chiave per i piccoli allevatori del settore lattiero-caseario. Un programma latte nelle scuole a livello nazionale non garantirebbe benefici solo a tutti i bambini, ma anche a molti piccoli allevatori, sviluppando a sua volta la produzione di latte locale.

Desiderate maggiori informazioni sul programma di alimentazione nelle scuole?